mercoledì 24 giugno 2015

Mondi Sommersi #1

 (captatio&planning)
In fondo ho sempre saputo di non essere Humphrey Bogart.
So che un professionista non dovrebbe avere peli sullo stomaco. E infatti finora sono stato gelido come una coppa music a dicembre.
Questi 6 anni di lavori hanno contribuito a rendermi un vero duro, dietro di me ho lasciato cadaveri di storie, personaggi, progetti. Un tipo losco, insomma, ho resistito, li ho snobbati e, a volte, ho avuto pure pudore per loro, ma ora basta, il loro sacrificio grida vendetta, tanto è inutile tenerli per me (e i miei compagni d'avventura) e forse il blog così avrà (più) senso.
Di volta in volta pubblicherò qualche disegno/studi/vignette sparse di progetti inediti/scarti/bozze/cose pubblicate che non ho spinto sul blog.
I morti tornano sulla terra, anzi sulla rete e stavolta proverò a non darmi, che in fondo ho sempre saputo di non essere Humphrey Bogart.


3 tavole di “Gastrite” (tratto dal racconto di Simone Ungaro), con tanto di errore di battitura direttamente dal 2008.