mercoledì 16 febbraio 2011

I Soliti Ignoti



Ciao a tutti,
scrivo per segnalarvi un evento promosso dall'Associazione Pin Up Art: una mostra dal titolo "I Soliti Ignoti" dedicata ad autori emergenti del mondo del fumetto e dell'illustrazione presso il Chiostro degli Agostiniani a Bracciano (RM).
La mostra, che ospiterà i lavori di Simone Gabrielli (http://simonegabrielli.blogspot.com/) e del sottoscritto, aprirà Venerdì 18. Sabato 19, dalle 14 alle 16, scarabbochieremo live con Simone, per chi volesse uno sketch.
Sarà possibile anche acquistare tavole originali, stampe e prendere contatti per commission.
Dalle ore 16 alle 18 circa avrà luogo anche la prima lezione (gratuita) del corso "Comics Junior" tenuto dall'associazione. Il corso avrà poi inizio a Marzo con incontri settimanali che si terranno i Sabato presso i locali della Pin Up Art Accademy.
Per spiegare gli intenti e il mood della mostra cito le parole del maestro Alessandro Petragnani, dall'intro della mostra:
"Quasi tutti si sono imbattuti nel fumetto almeno una volta nella vita: c’è chi per esempio da quel primo acquisto in edicola tanti anni fa, ancora adesso spende settimanalmente una fortuna per portarsi a casa l’ultimo numero della sua serie preferita, oppure chi durante la lettura del giornale si è fatto strappare un sorriso da una vignetta satirica accuratamente collocata nell’angolo della pagina politica, o magari per qualcuno l’incontro è avvenuto nella scoperta degli intriganti territori dell’eros, in compagnia di un compiaciuto senso di peccato. Fatto sta che ognuno di noi oggi non si meraviglia nell’incontrare dei disegni in cui compaiono palloncini inzeppati di parole, posti in uno spazio calibrato affinché coesistano con le figure. Eppure, basta pensare alle definizioni, e ci accorgiamo di un’ambiguità latente: li chiamiamo di volta in volta fumetti, comics, giornaletti, graphic novel e ritroviamo in loro caratteristiche multiformi ora sono tavole, ora strisce, ora illustrazioni. Disegni… e parole. Ammiccano alla narrativa, alla cinematografia, alla pittura; conciliano rigore geometrico e indole poetica, sono i parenti poveri delle arti figurative e letterarie, ma anche arte compiuta, pop nel senso pieno del termine; perché tutti leggono i fumetti, ma in pochi ne riconoscono la profondità o la ricchezza. Che siano seriali o autoconclusivi, popolari, d’autore, da collezione, quando si parla di loro sembra di avventurarsi in un terreno al contempo misterioso, ma già interamente compreso, quasi sviscerato. I soliti fumetti, questi ignoti occupanti di scaffali nascosti nel profondo delle librerie, figli adottati dalla Cultura (con la C) come lo sono coloro che li creano. Dalle mani dei disegnatori scaturiscono personaggi, storie, vite alle quali i lettori si appassionano e nelle quali spesso si immedesimano. La gestazione spesso è lunga, difficile, interi mondi rimangono sepolti dentro il cassetto o appostati negli angoli della mente dei loro creatori per anni, pronti a colpire di punto in bianco, senza una ragione apparente, e a prendere vita. Come tutti gli artisti, anche gli autori di fumetti generano creature che poi vivono di vita propria, ma che più dei libri e dei film si dissociano dai loro creatori nei ricordi dei loro fruitori. I lavori esposti in questa mostra sono uno spaccato di progetti di storie ancora in fieri nati dalle matite di Simone Gabrielli e Emiliano Tanzillo, due giovani autori che hanno deciso di mettere in gioco il loro talento e le loro idee per sottoporli al giudizio dei visitatori.
I fumetti e i loro personaggi, gli autori e i loro lettori: i Soliti Ignoti, appunto."

Di seguito tutte le info sull'evento prese dal sito del comune di Bracciano, vi aspettiamo!

Al Chiostro degli Agostiniani
Via Umberto I
dal 18 febbraio al 3 marzo 2011
Ingresso gratuito

2 commenti:

Daniele ha detto...

Complimenti per l'iniziativa. Spero di riuscire a vedere presto la mostra, mi dispiace di essermi perso l'inaugurazione.
Spero che non vi dispiaccia ma ho condiviso l'iniziativa sul mio sito copiando in massima parte da questo post.
Auguri per la mostra.

Stefano

Emiliano ha detto...

Grazie mille Stefano,
ne approfitto per segnalarti che la mostra si è spostata a Manziana!